Perchè in numerosi miei articoli cito spesso le religioni abramitiche con profondo disprezzo e rancore?

Perchè il cristianesimo è stato a tutti gli effetti il colpo di genio degli ebrei per la sovversione spirituale del mondo ario. Esso ha agito come veleno efficacissimo per la graduale dissoluzione dei valori sani del mondo occidentale con risultato ultimo la “civiltà” moderna. 

Questo processo disgregativo e corrosivo dei valori guerrieri e aristocratici delle culture gentilizie ha causato un graduale distaccamento da tutto il mondo profondo, spirituale e tradizionale che è il fondamento per la salute e l’armonia di questa realtà, sotto ogni punto di vista. 

Il cristianesimo è stato, come ha giustamente detto Friedrich Nietzche, la più grande maledizione mai scagliata sul genere umano. Il cristianesimo ha sostanzialmente portato a una desacralizzazione di ogni aspetto dell’essere e della realtà. Il cristianesimo ha sputato su tutto ciò che è vero e bello. Il cristianesimo ha invertito tutto l’ordine naturale delle cose. Il cristianesimo ha scagliato merda sui nostri avi e sulle tradizioni che ci hanno consegnato. Il cristianesimo ha sovvertito il sistema a caste. Il cristianesimo odia gli eroi. Il cristianesimo odia gli uomini. Il cristianesimo odia le donne. Il cristianesimo odia gli imperatori. Il cristianesimo odia i guerrieri. Il cristianesimo, dietro la sua maschera di finto amore, odia tutto. Il cristianesimo è acido nero incarnatosi in bibbia e in un semita schizzato, sempre che sia mai esistito. 

Il cristianesimo è il credo degli schiavi, degli schiavi non di un dio ma di un demone, perchè solo un demone può creare un qualcosa di così malvagio e disarmonico. 

Il cristianesimo ha mentito in ogni modo dicendo che i degenerati e i re sono uguali, anzi, che il degenerato in realtà è anche meglio del re.  Dice che se sei un bravo schiavo in questa vita finirai in paradiso mentre se sei un’uomo finirai all’inferno. Sei “bravo e buono” quando sei debole e sottomissivo, quando invece vuoi essere uomo fiero dal cuore di lupo sei “cattivo”.

Sei bravo quando prendi la via facile, quando tenti di scalare la montagna sei un malvagio. 

Dice che siamo tutti fratelli e uguali dinanzi a un “dio geloso”. Dice che tutti i popoli sono uguali e che tutto ciò in cui hanno creduto prima della nascita del putridume semita è menzogna e inganno.

Ma io mi dico, un dio così buono fa si che trascorrano migliaia e migliaia di anni prima di rilevare la sua “santa” verità? Per redimere dal peccato creature che lui stesso dovrebbe aver generato con “amore”? In un’esistenza in cui tutto ciò che è bello e nobile da compiere per un uomo in questo mondo conduce al peccato? 

Se questo fosse dio, e per fortuna non lo è, mi schiererei con ben più orgoglio dalla parte di satana che in confronto a lui pare un angioletto. Finirei appositamente nel girone infernale più macabro e infinito pur di mandare sto dio infame a fare in culo. Mentre ricevo le torture più orrende per via dei “peccati” che ho commesso su quello che a questo punto si può chiamare il “tranello terra”, farei comunque di tutto per urlare a squarcia gola “dio pooooorco!!!!”. 

Il mio odio profondo per quella che ritengo essere la creazione artificiale più marcia mai avvenuta in questa realtà quasi mi impedisce di scrivere con mente lucida su questo argomento. Anche solo il dover scrivere la parola “cristianesimo” provoca in me forti spasmi di volontà omicida e di disgusto intrinseco.  

Perchè ce l’hai tanto col cristianesimo anche oggi giorno si chiederà il lettore. Perchè il cristianesimo è oggi vivo più che mai. Il cristianesimo oggi giorno è ancora più vivo che sotto l’editto di Teodosio o sotto i tempi dell’inquisizione cattolica. Ha semplicemente gettato via il suo manto superficiale poichè non ne ha più necessità, essendosi ingranato nei tessuti oramai marci di quello che prevalentemente grazie ad esso è divenuto un mondo corrotto e macabro sotto ogni aspetto. 

I disvalori di uguaglianza, di porgere l’altra guancia, di “tolleranza” verso ogni forma di obbrobrio esistenziale, ma soprattutto di disprezzo verso ogni forma di manifestazione regale e aristocratica hanno creato il mondo moderno. L’uomo moderno è arrivato a un punto di corruzione tale da voler sparare alle aquile per cibarle in pasto ai vermi. 

Nel mondo moderno la parola di “dio” è più forte che mai. Ha solo cambiato forma trasformandosi in cose come il movimento lgbtq, l’antirazzismo, il new age, il progresso “per il bene di tutti”, la democrazia, il pro semitismo, l’amore per i negri, le vaccinazioni di massa, il politicamente corretto, il materialismo e soprattutto la scienza. Cosa vi è alla base di tutte queste cose? La volontà di livellare tutti gli uomini a uno stato indegno subumano privandoli effettivamente di ciò che gli rende uomini. L’aquila vola troppo in alto insomma. Ciò che vede non conta più un cazzo perchè i vermi e le cimici non sono in grado di vederla. Percui se un verme scopre che vi è un pezzo di merda particolarmente grosso nel terreno, esso può chiamare questa scoperta “scientifica”, se l’aquila invece vede che tutto il mondo è diventato un pò un mare di merda, ciò non è dimostrabile per i suoi “fratelli” vermi ed è quindi sciocco e irrazionale.  Se l’aquila dall’alto del suo volare vede montagne bellissime, laghi profondi e vulcani eruttanti ciò non conta perchè lo schiavo strisciante vede solo sterco, pietre e frustate. Se l’aquila dice: “voglio volare sempre più in alto per vedere dove posso arrivare” è considerata folle, ma se il verme dice:”ho trovato un modo per rendere la merda commestibile” viene nominato premio nobel. 

Una volta erano le aquile a comandare provando ad aiutare tutti gli esseri sottostanti a salire verso il cielo, per quanto possibile per loro natura, impedendo che i vermi divenissero troppi. Ma grazie al semita crocefisso ora a comandare sono gli scarafaggi con il loro infinito esercito di mosche, vermi e millipiedi che si avventano con velocità fulminea su qualsiasi creatura nobile ancora rimasta. 

Gli orsi, i lupi, le linci, i cinghiali e i cavalli non sono ben voluti dal “dio” misericordioso, perchè essi nel loro essere sono “cattivi” per la morale cristiana che detesta ugualmente i boschetti, i colli fioriti, i ruscelli, i laghi, i mari e le montagne ma che invece adora il deserto. 

Pertanto non venite a me parlandomi di amore e misericordia se siete cristiani perchè sareste come pedofili che provano a insegnare agli altri come si amano i bambini. Non venite da me chiamandomi blasfemo perchè siete i primi ad aver sputato su ciò che ci hanno trasmesso i nostri antenati e gli dei. Non chiamatemi “peccatore” perchè l’unico vero peccato è il portare disarmonia in questo mondo, e voi ci siete riusciti meglio di tutti. 

Io vi auguro di sparire da questo mondo che non meritate in alcun modo e che non vi è neanche di gradimento. Andate nel vostro paradiso che molto probabilmente si rivelerà essere un abisso tartarico. Scioglietevi nel nulla e svanite da questo reame magico e bellissimo, creature putride!

Per quanto sia consapevole che questo non è uno dei scritti miei più logici, spero di aver trasmesso al lettore anche solo un decimo del mio odio per questa follia totale che molti addirittura riconoscono come fonte di orgoglio per l’occidente. 

Mi auguro che venga capito che il cristianesimo e qualsiasi sua derivazione vadano eliminati fino alle fondamenta in modo che questo mondo possa tornare libero da questo cancro semitico onnipresente in ogni sua crepa.  

Che gli stendardi degli uomini tornino a portare su di essi Ercole, lasciando la croce e il semita infame solo ai reietti e ai disperati.