Il corpo umano è una struttura aperta che si adatta in tempi anche relativamente brevi a qualsiasi stimolo ambientale gli venga dato. Quello che fai, pensi, mangi, respiri, indossi, plasma sia il tuo fisico che la tua psiche attraverso mutazioni epigenetiche e l’alterazione dei tuoi pathway celebrali, non vi è infatti via di scampo da questa realtà, anche chiudersi in una cella sterilizzata provocherà adattamenti psico-fisici.

Noi umani abbiamo infatti smesso, non so da quando, di pensare a ciò che facciamo e perchè lo facciamo andando avanti quasi per inerzia e accettando, senza porci alcun problema su che effetto possa avere su di noi, qualsiasi aggiunta tecnologica o sociologica del sistema.

Smartphone, 5g, veganesimo, femminismo, vaccini, liberismi farlocchi, consumismo, comunismo, integratori e farmaci chimici sono tutte aggiunte piuttosto drastiche e potenti senza nessun background storico: sono tutte cose nuove e innaturali mai esistite in precedenza.

Questo ci porta, in base al principio del sistema aperto, alla comprensione che vi saranno cambiamenti tali in funzione all’adattamento a queste new entry, da creare sostanzialmente quelle che potrebbe definirsi una nuova versione umana, il transumano, una creatura completamente distaccata da madre natura ma che invece succhierà dalla putrida mammella di madre società. Lo scopo di questo articolo è aumentare nel lettore la percezione di ciò che fa nel quotidiano. Mangi carne cruda? Bene, ma cosa fai nel resto della giornata? Lavori all aperto in campagna o sei schiavo tutto il giorno davanti a un monitor? Quanto tempo passi con lo smart phone e i suoi campi elettromagnetici? Con cosa lavi i tuoi vestiti e il tuo corpo? Che aria respiri? Quali sono i tuoi valori? Ogni piccolo di questi dettagli andrà a influire sulla tua salute e su ciò che pensi ogni giorno in maniera piuttosto determinante.

Vi sono due strade che possiamo prendere: la prima è di seguire il dictat della società disconnettendoci sempre di più dalla natura e quindi da noi stessi, la seconda è invece una riconnessione vera e profonda con la natura che ci porterà a tornare in contatto con la vita vera e con il nostro spirito profondo. La società infatti, contrariamente a madre natura, non è una forza creatrice e potrà solo distruggere e pervertire in voi ciò che vi è ancora di puro privandovi di forza vitale. Come in molti altri ambiti, non stiamo parlando di opposti come ci hanno indottrinato a pensare le religione abramaiche, ma di vita verso il vuoto. Chi sceglie di diventare vegano, animalista, femminista e transumanista ha fatto la scelta di odiare madre natura, l’abisso infatti attende queste persone con l’acquolina in bocca.

D’altro canto chi come me e pochi altri ha deciso di riconnettersi alla verità non vuole avere nulla a che fare con l’abisso ma desidera solo riabbracciare con amore quella grande sfera di luce che è la vita. Per persone come queste, avrei una lista di regole e cose da fare per avviarsi su questa strada coi giusti strumenti, ecco qua una breve lista:

  1. Mangiare secondo natura;
  2. Uscire dalle grandi città;
  3. Avere attorno a se amici e famiglia veri;
  4. Liberare la mente dalle catene della società: political correctness, moralismi e perbenismi, libertà, uguaglianza e fratellanza, fobia dei batteri, pensiero dualista, religioni, vergogna di se stessi, competizione capitalista, gelosia per chi è felice ecc.;
  5. Buttare la televisione nel cassonetto;
  6. Passare tanto tempo in natura al sole, possibilmente nudi;
  7. Distaccarsi il più possibile dal denaro rendendosi indipendenti da un punto di vista alimentare con propria fattoria e terreno;
  8. Non assumere droghe o alcool se non in occasione molto speciali, allontanarsi da amici drogati e alcolizzati;
  9. Allontanare dal proprio cerchio interno qualsiasi persona che non ti abbia veramente a cuore e che non ti rispetti;
  10. Meglio soli che mal accompagnati: non circondarsi di persone pesantemente degenerate o che promuovono degenerazioni varie;
  11. Circondarsi di persone che hanno scelto la via della vita e che rispettiamo;
  12. Passare minor tempo possibile con dispositivi elettronici che emettono radiazioni, assicurarsi che propria abitazione sia lontana da ripetitori telefonici;
  13. Godetevi la vita lavorando il meno possibile;
  14. Imparate ad amare voi stessi coi vostri pregi e difetti accettandovi col cuore e prendendovi cura del vostro spirito giocoso, niente stoicismi forzati o odio per se stessi. Alla fine noi umani siamo qui per imparare non auto-distruggerci coi sensi di colpa.

Seguire anche solo la metà di queste indicazioni renderà la qualità della vostra vita nettamente superiore facendovi andare a dormire col sorriso sulla faccia. Le prima e l’ultima regola sono di gran lunga le più importanti poichè si prenderanno cura sia della vostra salute fisica che psichica, gettando le basi per il resto.

Augurando in bocca al lupo ai miei lettori,

Prodacle Armato