La mia teoria è che la grande quantità di batteri presenti nei prodotti animali fermentati riproduce l’esposizione alla luce del sole a livello energetico e a livello intracellulare. Comincio a pensare che la carne fermentata e i latticini invecchiati siano FONDAMENTALI per la salute umana e la vera chiave per riconquistare il nostro vero potenziale. Gli alimenti “marci” potrebbero essere il pezzo più grande del puzzle nutrizionale e l’elemento che tutti sottovalutano. Non sto parlando di formaggio, crauti, latte cagliato di un paio di giorni o fegato che è da una settimana in frigo, sto parlando di carni “alte” estremamente fermentate o latte che è diventato alcolico, l’artiglieria pesante.

Alla gente sta bene la carne cotta, molti accettano quella cruda, ma chi anche solo considera l’idea di consumare del fegato puzzolente e putrido di un anno? Non è di questo che siamo stati più condizionati ad avere paura? Il pericolo dei batteri è uno dei primi lavaggi del cervello che ci impongono: lavati le mani Timmy o non puoi mangiare! Non andare sul pavimento Jack non l’ho ancora disinfettato con prodotti chimici tossici cancerogeni! Non giocare con il cane che è sporco! Non bevete il latte crudo, è pericoloso a causa dei batteri nocivi! E così via.

Sappiamo poco dei poteri o delle proprietà di tali alimenti fermentati, ma per fortuna sappiamo grazie al guaritore un paio di cose: la carne fermentata ha batteri che si nutrono di tessuto degenerativo; i batteri predigeriscono le molecole e le proteine nutrendo direttamente il cervello bypassando il tratto digestivo; curano l’intestino e possono migliorare drasticamente l’acutezza mentale e la vitalità generale con proprietà antidepressive notevoli. Stiamo letteralmente mangiando la vita nella sua forma più elementare: il batterio. I batteri sono la vita e la luce all’interno del nostro corpo, più ce ne sono e più vitalità si avrà. Queste creature microscopiche sono così potenti da poter distruggere tossine pericolose in tempi estremamente rapidi, quindi mi porgo le domande: sono i batteri il “nutriente” più importante per un animale? Sono davvero l’anello mancante per una salute ottimale, la disintossicazione e la longevità?

Enzimi e carne putrefatta

L’invecchiamento inizia quando si perde la vitalità, sia del corpo che dello spirito, è una legge naturale. L’esaurimento degli enzimi è uno dei fattori principali dell’invecchiamento, senza enzimi tutto funziona più lentamente e invecchia, ma che dire dei batteri? Privarci di cibi ricchi di batteri limita il nostro potenziale umano? L’esaurimento e l’utilizzo degli enzimi è dovuto a diversi fattori ed è inevitabile, possiamo solo rallentarlo. Ci sono 3 cose principali che impoveriscono il corpo degli enzimi e ne causano l’uso: stress di qualsiasi tipo, esercizio fisico pesante e dieta.

Come ha spiegato il guaritore, mangiare cibo privo di enzimi cotto vi costringerà a usare i vostri stessi depositi accellerando così l’invecchiamento, ma il cibo cotto è anche privo di batteri e anche loro hanno un ruolo centrale nella digestione, forse anche più degli enzimi stessi. Il cibo crudo, invece, è pieno di enzimi e ha batteri ma non è predigerito, il che potrebbe significare che è ancora necessaria una certa potenza digestiva e una minima perdita enzimatica endogena. Gli alimenti fermentati, invece, sono predigeriti, hanno enzimi e favoriscono la digestione, il che significa che possono in realtà aggiungersi ai nostri depositi enzimatici senza consumarli; con gli alimenti fermentati avete a malapena bisogno di potere digestivo e di energia, fanno tutto da soli, è quasi come se foste a digiuno, ma allo stesso tempo mangiando, state ottenendo il meglio di entrambi i mondi. Se i batteri rappresentano la vita, e le tossine e le cellule morte l’assenza di vita, mangiare queste piccole creature equivale a riempire il vostro organismo di energia luminosa, alla fine sembra essere tutto un grande processo di sostituzione questo detox. In assenza di vita c’è la morte e più c’è vita meno è la malattia e il cibo che aumenta la vitalità maggiormente è proprio la carne putrefatta.

I batteri sono dipendenti dall’umidità, la secchezza arresta la loro proliferazione e apparentemente anche l’azione enzimatica, quindi è evidente che questi due sono correlati e dipendenti l’uno dall’altro per il funzionamento, per questo motivo non considero il formaggio come un alimento “high”: è secco.

Niente di secco è veramente vivo, evitando cibi crudi, batteri ed enzimi il vostro corpo internamente diventerà un grande deserto, e tutti noi sappiamo a livello macro-cosmico cosa ha avuto origine dal deserto e questo può accadere anche all’interno del nostro organismo. Direi che la seguente è veramente la sacra trinità della salute cellulare e dell’organismo: enzimi, batteri e acqua biodisponibile legata a nutrienti.

Tutto ciò che causa la disidratazione cellulare, la morte dei batteri o l’uso di enzimi in massa è molto malsano. Cosa ci viene in mente che compie tutte e 3 queste azioni? Il sale, ma questa roccia e la sua tossicità merita un articolo completo da solo. Così la carne alta crea un mezzo perfetto per la vita all’interno del corpo avendo tutte e tre i fattori in grande quantità, ma il corpo può tollerare i cambiamenti solo ad un certo ritmo, così l’eccesso di cibi fermentati, soprattutto all’inizio con un corpo molto “desertico”, può surriscaldare il sistema e creare problemi molto pericolosi, anche fatali. È come cambiare un intero sistema ecologico in un paio di giorni invece che in decenni, la flora e la fauna locali non avranno il tempo di adattarsi ad esso e periranno.

Vitalità

Il pesce fermentato è stato usato dagli eschimesi per aumentare la potenza e la resistenza dei loro cani, i romani usavano il garum (sardine fermentate) sui loro legionari per lo stesso motivo, quei guerrieri erano in grado di marciare fino a 40 km al giorno con un set completo di armature e utensili che pesavano circa 40 kg per poi riposare e andare in battaglia il giorno successivo. All’epoca le persone erano più forti, sia spiritualmente che fisicamente. Sul piano fisico, potrebbe essere perché non sterilizzavano mai nulla e mangiavano costantemente pesce fermentato? Il garum era un alimento base della dieta romana e veniva consumato con la maggior parte dei pasti, secondo me questo era uno degli strumenti principali che permise a Roma di conquistare metà del mondo conosciuto. Dato che enzimi e batteri sono praticamente correlati e simbiotici, potrebbe anche significare che questi piccoli animali hanno una funzione catalizzatrice che accelera i processi corporei e che, per via della maggior velocità processuale, possono incrementare i livelli di energia.

I batteri potrebbero essere per il corpo ciò che il sole è per la terra, sopravviverete con poco ma comincerete veramente a prosperare quando saranno entrambi abbondanti.

Effetto psicoattivo

Carne, latte e uova sono molto potenti sulla psiche. Ho anche avuto allucinazioni incredibili (alcune anche spaventose) da alte dosi di carne marcia. Aajonus dice che le ragioni di questo sono che la materia predigerita bypassa il tratto digestivo e va a nutrire direttamente il sistema nervoso. Un’altra ragione è la produzione di neurotrasmettitori amplificati come risposta dell’organismo per avergli dato un cibo così potente e vivo, ma molto semplicemente penso che l’organismo sia molto grato e felice per quello che gli dai da mangiare e ti ricompensa con questo trofeo di gioia. Non ho mai visto i miei cani così eccitati per il cibo come quando tiro fuori un po’ di carne fermentata dal frigorifero, probabilmente abbiamo mangiato questi cibi con i nostri amici pelosi sin da tempi primordiali. Uno dei motivi per cui cani e umani hanno sempre vissuto insieme, secondo me, è perché condividevano un’alimentazione molto simile.

Anche i bambini eschimesi erano molto eccitati quando era l’ora della carne fermentata e iniziavano a saltare in giro eccitati, quindi è evidente dall’osservazione di creature con l’istinto naturale ancora intatto che la carne marcia era estremamente apprezzata dagli esseri umani ancestrali. Gli esseri umani hanno anche un’innata curiosità verso le sostanze che alterano la psiche, potrebbe essere perché la nostra “droga” preferita era la carne “fattanza” in passato? Stiamo ancora cercando di ricreare gli effetti magici di questo cibo con droghe artificiali e dannose? Secondo me, sì.

Inverno europeo e depressione

L’assenza di luce solare non fa bene all’essere umano e non esiste un vero e proprio rimedio per l’assenza di raggi solari, ma in passato i cibi fermentati venivano sicuramente utilizzati come strumento per combattere e mitigare gli effetti negativi della mancanza di sole. Le carni fermentate sono probabilmente la migliore cura per la depressione invernale.

Ci sarà sicuramente una seconda parte in futuro su questo argomento incredibilmente affascinante. Queste come potete ben vedere sono tutte teorie e osservazioni personali e non hanno nulla di “scientifico”. Continuerò a testare questi alimenti sul mio corpo, anche in grandi quantità, e osserverò i risultati tenendovi aggiornati.

Prodacolo Armato